Statuto dell’Associazione

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE

TITOLO I – COSTITUZIONE E OGGETTO SOCIALE

  Art.1 Costituzione, Denominazione e Sede.

  1. L’Associazione culturale “Visure Acatastali Urbane” è costituita a Roma il 2 novembre 2016.
  2. L’Associazione ha sede in Roma, in Largo Pannonia 1. Il trasferimento della sede legale non comporta modifica statutaria.
  3. L’Associazione ha durata indeterminata. Il suo scioglimento può essere deliberato soltanto da un’Assemblea Straordinaria secondo quanto indicato all’art. 20 del presente Statuto.

Art. 2  Finalità e principi

  1. L’Associazione opera per ampliare e favorire le possibilità di fruizione del territorio di Roma e delle sue zone limitrofe e per svilupparne la conoscenza e la consapevolezza. Il territorio è inteso in senso spaziale e naturalistico ma anche storico, artistico, sociale, culturale.
  2. L’ampliamento della fruizione implica la continua ricerca di nuovi luoghi, nuovi percorsi, nuove modalità di visita, operando per superare ostacoli e barriere e contribuendo alla creazione di una rete di percorsi pedonali cittadini.
  3. Lo sviluppo della conoscenza si basa sulla esperienza diretta e si fonda su visite in loco, osservazione di luoghi, fatti e fenomeni, rapporto diretto con individui e gruppi protagonisti di tali luoghi e fatti, partecipazione a eventi e iniziative.
  4. Scopo finale di tutte le attività è contribuire con un proprio originale patrimonio di conoscenze e proposte ai movimenti in atto per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio naturalistico, storico e artistico e per la riqualificazione ed il miglioramento dell’ambiente urbano.

Art. 3 Attività

Le esplorazioni urbane sono il fulcro delle attività dell’Associazione, che ad esse dedica il principale impegno e la maggioranza delle risorse. Sono organizzate secondo i criteri illustrati nell’articolo 4 del presente statuto.

L’Associazione persegue le proprie finalità anche attraverso altre iniziative quali ad esempio:

  1. conferenze, seminari e incontri periodici
  2. produzione di materiali e pubblicazioni cartacee ed elettroniche
  3. presenza in rete e sui social network
  4. raccolta, elaborazione e diffusione di documentazione.

L’Associazione può partecipare a iniziative promosse e organizzate da altri soggetti, coerenti con le proprie finalità ed utili al loro raggiungimento,.

Art. 4 Le esplorazioni urbane

  1. Le esplorazioni urbane sono camminate collettive in cui i partecipanti osservano e vivono il territorio, visitando a piedi i luoghi oggetto di attenzione. Ogni partecipante è protagonista dell’evento e contribuisce alla sua riuscita.
  2. Le esplorazioni urbane guardano ai differenti aspetti della città e del territorio:
    1. a) L’aspetto naturalistico, con la ricerca di luoghi verdi, dove la natura è tuttora capace di offrire benessere fisico e proporre aspetti di interesse culturale e scientifico.
    2. b) L’aspetto artistico, archeologico e architettonico, con la scelta di luoghi di pregio e interesse da questo punto di vista, non ancora pienamente noti e presidiati.
    3. c) L’aspetto storico, con attenzione particolare alle testimonianze del nostro passato più recente.
    4. d) L’aspetto sociale, con l’osservazione della città che si trasforma, con i suoi problemi e i suoi conflitti, i suoi progetti, i suoi attori, i suoi luoghi di innovazione e produzione culturale e tecnologica.
  3. Le esplorazioni urbane sono organizzate secondo un apposito regolamento, portato a conoscenza dei partecipanti, che si impegnano a rispettarlo.

Art. 5 Natura dell’Associazione

  1. L’Associazione non persegue fini di lucro. E’ fatto espresso divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale.
  2. Tutti i soci che si impegnano nella definizione, promozione, organizzazione, attuazione e divulgazione delle sue iniziative svolgono la loro attività senza ricevere alcun compenso.
  3. L’Associazione è apartitica. Essa non si riconosce in alcuna formazione politica e non tiene con alcuna di esse rapporti organici, continuativi o comunque privilegiati.
  4. L’Associazione non è apolitica. Essa intende contribuire a sviluppare riflessioni e proposte politiche sui propri temi di interesse. In questo ambito agisce secondo principi di:
  1. a) rifiuto di ogni logica di schieramento;
  2. b) attenzione ad ogni contributo o proposta interessante nel merito;
  3. c) ricerca di collaborazione con organizzazioni di natura similare con cui si registrino affinità pratiche.

TITOLO II – I SOCI

Art.  6 Qualifica e ammissione

  1. Possono far parte dell’Associazione tutti coloro che ne manifestano l’intenzione, previa partecipazione ad almeno una camminata urbana o altra iniziativa dell’Associazione. Ogni socio deve indicare un indirizzo di posta elettronica, attraverso il quale ricevere tutte le comunicazioni dell’Associazione.
  2. Il Presidente ratifica ogni iscrizione tramite un messaggio di posta elettronica e mantiene il registro degli associati.
  3. Le quote associative sono fissate all’inizio di ogni anno dal Consiglio Direttivo. Per il primo anno la quota associativa è fissata in 0,00 (zero/00) euro.

Art. 7 Perdita della qualifica di Socio

Il Socio cessa di far parte dell’Associazione:

  1. a) a seguito di dimissioni volontarie, da inviare per posta elettronica al Presidente;
  2. b) per radiazione deliberata dal Consiglio Direttivo, in caso di atti contrari all’interesse e al buon nome dell’Associazione o di prolungata assenza da ogni attività dell’Associazione.

Art. 8 Diritti dei Soci

Tutti i soci possono:

  1. a) partecipare alle esplorazioni urbane e alle altre iniziative dell’Associazione;
  2. b) partecipare con diritto di voto alle assemblee ordinarie e straordinarie;
  3. c) candidarsi per le cariche dell’Associazione.

Art. 9 Doveri dei Soci

I Soci hanno l’obbligo di osservare il presente Statuto, il regolamento delle esplorazioni urbane e ogni altro eventuale regolamento deliberato dal Consiglio Direttivo.

I Soci sono altresì tenuti a mantenere una condotta irreprensibile nei rapporti con l’Associazione, con gli altri Soci, con i terzi e astenersi da qualsiasi atto che possa nuocere all’Associazione.

 Art.10 Esonero da responsabilità

  1. Con l’atto dell’iscrizione il Socio esonera espressamente l’Associazione ed i suoi amministratori e dirigenti da qualsiasi responsabilità per infortuni o per danni alla sua persona, alle sue cose e alle persone da lui invitate o coinvolte che dovessero  prodursi prima, durante e dopo ogni attività o manifestazione promossa o organizzata dall’ Associazione. La partecipazione alle esplorazioni implica l’accettazione di tale esonero.
  2. Con il medesimo atto il socio esonera l’Associazione, i suoi amministratori e i suoi dirigenti, da qualsiasi responsabilità per infortuni o per danni a persone o cose prodotti dal socio stesso nel corso di ogni attività o manifestazione promossa o organizzata

TITOLO III – ORGANI DELL’ ASSOCIAZIONE

Art.11  Organi

Sono Organi dell’Associazione:

  1. a) L’Assemblea dei Soci, ordinaria o straordinaria;
  2. b) il Consiglio Direttivo;
  3. c) il Presidente;
  4. d) il Tesoriere.

Le cariche sociali di cui ai precedenti punti b), c), d) hanno durata biennale e sono rieleggibili.

Art.12  Assemblea Ordinaria dei Soci

  1. L’Assemblea Ordinaria è convocata almeno una volta l’anno dal Presidente, mediante invio per posta elettronica, almeno dieci giorni prima della data fissata, di apposita convocazione contenente l’ordine del giorno.
  2. L’Assemblea Ordinaria procede a:
  1. a) eleggere il Presidente dell’Associazione, i componenti del Consiglio Direttivo ed il Revisore contabile;
  2. b) approvare il bilancio consuntivo e la relazione generale sull’attività svolta nonché il bilancio di previsione;
  3. c) indirizzare con apposite risoluzioni i programmi di attività, le nuove iniziative e quanto possa essere ritenuto valido strumento per il conseguimento dei fini sociali;
  4. d) deliberare su qualsiasi altro argomento sottoposto all’Assemblea dal Presidente, un componente del Consiglio Direttivo o almeno tre soci presenti.

Art.13  Assemblea Straordinaria dei Soci

  1. L’Assemblea Straordinaria può essere convocata ogni qual volta venga ritenuta necessaria dal Presidente, anche in seguito a richiesta del Consiglio Direttivo o di almeno un quinto dei Soci. E’  convocata con le medesime modalità previste per l’Assemblea Ordinaria.
  2. L’Assemblea Straordinaria delibera in particolare sulle modifiche dello Statuto e lo scioglimento dell’Associazione.

 Art. 14  Modalità di svolgimento delle Assemblee

  1. L’Assemblea Ordinaria e quella Straordinaria sono validamente costituite qualunque sia il numero dei Soci presenti e deliberano a maggioranza dei Soci presenti. Soltanto per lo scioglimento dell’Associazione è necessaria la maggioranza qualificata indicata all’Art. 20.
  2. Non è consentita alcuna forma di delega.
  3. Le Assemblee sono presiedute dal Presidente.
  4. Il verbale delle Assemblee viene redatto dal Presidente o da persona da lui incaricata.

Art. 15 Consiglio Direttivo

  1. Il Consiglio Direttivo è l’organo esecutivo delle deliberazioni dell’Assemblea ed ha poteri di ordinaria e di straordinaria amministrazione. Esso è composto da almeno tre e non più di sette componenti, soci dell’Associazione, che si impegnano fattivamente nelle esplorazioni urbane e nelle altre attività dell’Associazione. Il numero dei componenti il Consiglio è deliberato con apposita votazione dall’Assemblea dei Soci.
  2. Il Consiglio Direttivo rimane in carica due anni ed opera in modalità fisica o virtuale, attraverso contatti telefonici e in rete. Può deliberare in ogni momento a maggioranza semplice.
  3. Il Consiglio Direttivo si riunisce, in modalità fisica o virtuale, su richiesta del Presidente o di due o più membri del Consiglio Direttivo, almeno due volte all’anno.
  4. Il Consiglio Direttivo ha i seguenti compiti:
  1. redigere, attuare e verificare i programmi delle esplorazioni urbane e delle altre attività;
  2. curare la gestione del patrimonio sociale e deliberare sugli impegni di risorse;
  3. deliberare la radiazione dei soci così come previsto dall’art. 7;
  4. stabilire l’ordine del giorno delle Assemblee;
  5. proporre all’Assemblea il bilancio consuntivo, quello preventivo e la relazione dell’attività svolta;
  6. fissare l’ammontare della quota associativa annuale così come previsto dall’art. 6;
  7. autorizzare e regolare l’eventuale rimborso ai soci delle spese vive sostenute per le attività prestate, previa documentazione;
  8. redigere ed aggiornare il regolamento delle esplorazioni urbane, così come previsto dall’art. 4, nonché eventuali altri regolamenti interni.

Art. 16  Il Presidente

  1. Il Presidente dell’Associazione è eletto dall’Assemblea dei Soci tra i componenti del Consiglio direttivo. Il suo mandato è biennale.
  2. Il Presidente:
  1. ha facoltà di impegnare l’Associazione nei confronti di terzi, sentito il Consiglio Direttivo, e la rappresenta nei confronti delle Istituzioni, degli altri soggetti ed in giudizio;
  2. ha facoltà di assumere impegni economici in attuazione delle delibere di cui all’art. 15 comma 4 del presente statuto;
  3. presiede all’attività del Consiglio Direttivo, convoca e presiede le Assemblee dei soci;
  4. mantiene e gestisce il registro dei soci, i verbali delle Assemblee, gli atti sottoscritti dall’Associazione, gli atti relativi a tutte le operazioni concernenti l’amministrazione ordinaria e straordinaria, ed in genere tutta la documentazione inerente la vita associativa:
  5. può eccezionalmente delegare agli altri componenti del Consiglio Direttivo e ad altri soci lo svolgimento di attività di sua competenza.

Art. 17 Il Tesoriere

Il Tesoriere è un socio  e cura la rendicontazione delle spese e delle entrate nonché la predisposizione del bilancio consuntivo persona di fiducia.

TITOLO IV – PATRIMONIO, RISORSE, BILANCIO E UTILI

 Art. 18 Patrimonio e Risorse economiche

  1. Il patrimonio dell’Associazione è costituito da tutti i beni acquistati o comunque venuti in suo possesso e da eventuali avanzi di bilancio di gestione.
  2. Le risorse economiche per il funzionamento e lo svolgimento delle attività provengono da:
  1. quote associative;
  2. contributi volontari;
  3. contributi e rimborsi di enti o istituzioni pubbliche;
  4. finanziamenti per la realizzazione di attività e progetti.

L’esercizio sociale decorre dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

TITOLO V – NORME FINALI

Art. 19  Modifiche Statutarie

Le modifiche allo Statuto sono approvate esclusivamente in una Assemblea straordinaria dei soci

Art. 20 Scioglimento della Associazione

Lo scioglimento dell’Associazione può essere deliberato soltanto da un’Assemblea straordinaria dei soci, appositamente convocata, nella quale risultino presenti almeno il 50% più uno dei soci.

In caso di scioglimento l’eventuale patrimonio sociale sarà devoluto dall’Assemblea ad Enti e/o Istituzioni aventi analoghe finalità culturali, sentito l’organo di controllo di cui all’art. 3, comma 190, della Legge 23 dicembre 1996 n° 662 e salva diversa destinazione imposta dalla legge.

Art. 21 Norme finali

Per quanto non previsto nel presente Statuto si fa espresso rimando alle disposizioni della Legge 383 del 7 dicembre 2000, del Codice Civile e delle altre leggi dello Stato, in quanto applicabili, in materia di Associazioni.

Annunci