Archivi categoria: verde e parchi

Finalmente fuori porta! Albano, Castelgandolfo e il lago

La stagione delle nostre esplorazioni sta per finire e quindi le due ultime uscite saranno un po’ fuori norma, per festeggiare l’estate prossima ventura. La prima, GIOVEDI’ 8 GIUGNO, ci porta finalmente fuori porta, nel più classico dei percorsi. Un trenino dalla stazione Termini fino ad Albano Laziale per un brevissimo giro nel paese, che meriterebbe certo di più, i Cisternoni?  Poi il percorso pedonale che ci porta a Castelgandolfo, adorna di palazzi e di vedute, per raggiungere la stazioncina (dove i frettolosi potranno tornarsene presto) e poi il lago, dove possono cominciare spuntino e ozi, che si possono prolungare a volontà.

Serve una qualche levataccia perché il solo treno utile è alle 9.00 da Termini (regionale 7349, biglietto 2,10 €, da acquistare) che ci deposita alle 9.51 ad Albano. Il primo ritorno utile è alle 12.47 da Castelgandolfo, poi un treno ogni ora per tutto il pomeriggio. Dalla stazione di Castelgandolfo al lago consideriamo circa 20 minuti a piedi, un po’ di più in salita.

Nuovi sguardi da San Paolo a Ostiense e Testaccio

Giovedì 25 Maggio le “Visure Acatastali” ritornano in un quartiere principe per le nostre esplorazioni urbane, San Paolo – Ostiense – Testaccio. Con una “ricucitura” tra itinerari già fatti, che ci porterà a nuovi sguardi su questa zona in impetuosa trasformazione.

Partiamo dalla stazione SAN PAOLO della metro B (appuntamento alle 10.00), andando verso la Basilica, attraversando il Parco Schuster, guardando gli spazi universitari di RomaTre, sbirciando la situazione dell’area ex Mercati-Generali, per poi tornare tra i murales della Ostiense discotecara e chiudere a Testaccio, nell’ampio spazio della Città dell’Altra Economia.

Ma non finisce qui! Il pomeriggio, dopo uno spuntino in zona, le Visure partecipano ad un incontro organizzato nell’ambito della prestigiosa manifestazione BIENNALE SPAZIO PUBBLICO 2017, dove porteremo la nostra testimonianza. Si tratta di:

COMUNITA’ IN CAMMINO – Pratiche e progetti per camminare e creare nuovo sviluppo

25 maggio 2017 ore 14,30 – 18,30 presso Università di Roma TRE – ex Mattatoio PIazza Giustiniani 4 – aula NERVI

Altre notizie sull’incontro sono disponibili al sito http://www.biennalespaziopubblico.it/comunita-in-cammino-workshop-biennale-spazio-pubblico-2017/

 

 

Da Generosa a Monte Cucco, primavera, murales e segni pasoliniani

Una ricca esplorazione ha portato le visure dalla zona delle Catacombe verso la storica borgata del Trullo, fiera delle costruzioni popolari del ’40, della straordinaria presenza di poeti e pittori di strada, di piazze piene di vita, fino alla incredibile vastità, ancora attuale, dei prati e dei pascoli di “Uccellacci e uccellini”.

Festa di primavera, a villa Pamphili, semplicemente

GIOVEDI’ 23 MARZO, ci meritiamo una vera festa per la primavera. Seguendo un cliché diverso dal solito, ci dedicheremo ad una tranquilla passeggiata nel verde, in un luogo ricco di storia a bellezze, approfittando anche della preziosa guida dei nostri “padroni di casa” , Alessandro e Cristina.

Appuntamento per tutti alle 10.15 all’ingresso principale della villa, vicino a Porta San Pancrazio, all’inizio di Via Aurelia Antica (luogo raggiungibile con gli autobus 44 – da Piazza Venezia o da viale Trastevere altezza ospedale Regina Margherita , 871 – da stazione Trastevere, 870 – da via Paola, vicino Sant’Angelo. Ma gli irriducibili si vedono alle 9.30 a piazza Belli, precise come e più del solito, per salire  lungo le meravigliose pendici del Gianicolo.

Il giro della villa prenderà almeno un paio d’ore ma, come e più del solito, ognuno sarà libero di gestire la propria presenza, accorciando o prolungando secondo l’estro, magari fino ad un picnic.

Incontri in una primavera romana campagnola

Un gentile carrozziere che ci ha fatto passare, una entusiasta giovane bibliotecaria artefice del miracolo del BiblioPoint Perlasca, un costruttore che ci ha aperto la porta allo scavo archeologico nel suo cantiere (appena appena vagamente contrariato), giovani che servono o mangiano cuscus nel bar dell’ex-lanificio. Tante occasioni di incontro e riflessione nel percorso tra Messi d’Oro, Pietralata e Casale Rocchi, dietro i sapienti suggerimenti di Andrea.